Isernia

Visitare Isernia

Visitare IserniaIsernia è un comune di poco oltre 20.000 abitanti ed è capoluogo della provincia omonima. E’ situata in una zona collinare, ma dalla quale si dominano le strade attorno e i tratturi. Il clima tipico del capoluogo pentro è continentale, con inverni freddi ed estati non troppo calde.

Isernia cenni storici

I primi insediamenti rinvenuti nella zona di Isernia risalgono al periodo paleolitico. In seguito, uno dei motivi per i quali si ebbero numerosi insediamenti nella zona, è legato alla presenza dell’acqua.

Di origine romana è, infatti, l’acquedotto situato nella città, ancora oggi in funzione. La maggiore espansione si ebbe durante il periodo della dominazione sannita. Sotto il dominio romano, divenne addirittura un municipium, ovvero una comunità cittadina legata a Roma.

Nel corso degli anni, numerose calamità si abbatterono su Isernia, ma quello maggiore è senza dubbio legato ai bombardamenti del 1943, nel corso della Seconda guerra mondiale.

Arte e cultura a Isernia

Oltre alle numerose chiese e alla favolosa cattedrale, Isernia ha, nel sottosuolo un acquedotto molto antico, attorno al quale si è creato un alone di mistero, anche grazie alla sua posizione difficile da accedere, tanto da immagine una seconda Isernia, una Isernia quasi sottomarina.

Quel che è certo è che le origini di questo acquedotto sono antichissime, infatti se ne parla in scritti dell’anno 600. Molto bella è la Cattedrale di Isernia, che sorge sui resti di un antico tempio pagano e ricostruita diverse volte. La fontana della Fraterna, realizzata nel 1289, si chiama così in onore della confraternita religiosa fondata nel 1244 da Pietro da Morrone. Isernia è famosa per la realizzazione dei merletti, un’arte preziosa e delicata.

Divertimento e svaghi a Isernia

Isernia è un ottimo punto per chi ama l’archeologia, infatti sono stati rinvenuti antichissimi insediamenti paleolitici. Tra le feste e tradizioni tipiche isernine, ci sono la fiera delle Cipolle, legata ai santi Pietro e Paolo. Questa festa è chiamata “delle cipolle” per la presenza massiccia di diverse varietà di cipolla.

Isernia è nota anche per il canto dei vicoli, nei quali si innalzano odi all’amore. Tra le altre feste della città, ci sono quelle dedicate ai santi Cosma e Damiano e a Sant’Antonio da Padova. Molto bello è il carnevale isernino, con colori e maschere tipiche.

Isernia la gastronomia

Tra i prodotti tipici isernini ci sono la produzione di formaggi freschi, paste fresche, nonchè biscotti e pasticceria. Isernia è anche nota per essere la provincia del tartufo, preparato in tantissime varietà, tra cui la mozzarella con il tartufo e la pasta tartufata.