Castiglione della Pescaia

Visitare Castiglione della Pescaia

castiglione-della-pescaia-2Rinomata località balneare dalle bianche spiagge e dal clima mite. Castiglione della Pescaia è anche molto di più è insieme natura e storia, cultura e arte e per ognuna di queste qualità conserva traccia negli angoli del suo territorio che si estende all’interno della Maremma. Il nome, Pescaia, deriva dal mestiere più antico praticato in questa zona la pesca appunto tutt’ora attività viva nella zona dov’è possibile trovare diverse varietà di pesce come cefali e spigole.

Si pesca e si va in spiaggia, oltre 5 km di costa arricchiscono il borgo divise tra spiaggia di Ponente e di Levante: la prima si stende dal porto verso Punta Ala più frequentata e turistica, mentre la seconda occupa la parte sud di Castiglione, in direzione marina di Grosseto, più tranquilla ma altrettanto affascinante. In entrambe le zone si alternano spiagge libere e attrezzate allestite sia sui versanti sabbiosi che su quelli rocciosi. Nei periodi di affluenza turistica è piacevole trascorrere le giornate in compagnia della famiglia e degli amici tra i ristoranti i bar e le attività d’animazione organizzate dagli operatori turistici della zona.

I posti più belli a Castiglione della Pescaia

Tra i posti più noti ci sono: la spiaggia delle Marze, completamente libera e la spiaggia delle Rocchette. Guardando il mar Tirreno all’altezza di Punta Ala si scorge un altro segreto incontaminato che rientra nei confini di Castiglione, si tratta dell’isolotto dello Sparviero sulla cui roccia si erge una torre d’avvistamento. L’isola è seguita da un piccolo gruppo di scogli, conosciuti come scogli Porchetti che sembrano collegare la costa all’isolotto.

Se sulle rive del Tirreno troviamo le distese sabbiose da marina di Grosseto sino alla pineta del Tombolo all’interno, sul monte Petriccio, si trova il borgo antico di origine medioevale avvolto da una muraglia storica adornata da torri e portali e da un affascinante castello, utilizzato come simbolo dello stemma comunale. Il castello rappresenta una delle attrattive principali di castiglione della Pescaia, risale al XV secolo, anche se una parte della struttura era esistente sin dal X secolo.

Pur essendo affascinante per tutto il territorio circostante, il castello non è visitabile in quanto è attualmente una dimora privata. Quest’area della Toscana, oltre che dal punto di vista storico, ha molto da offrire anche sotto l’aspetto archeologico e un esempio ne è la Villa romana delle Paduline fatta risalire tra il II secolo a.C. e il II secolo d.C. Qui sono stati trovati molti reperti tra i quali un busto dell’imperatore Adriano, oggi visitabile, presso il museo archeologico e d’arte della Maremma di Grosseto.

Castiglione della Pescaia turismo e natura

Si ritorna, infine, nella natura precisamente nella riserva naturale di Daccia Botrona, zona umida importante per il ricco ecosistema che custodisce. La riserva naturale si trova a est di Castiglione della Pescaia e sorge dove originariamente vi era il lago Prile, l’area è stata poi bonificata e oggi rappresenta uno dei territori incontaminati più accoglienti per le varietà di flora e fauna. La migrazione degli uccelli è il periodo preferito per gli amanti del “birdwatching” in primavera arrivano, infatti, i fenicotteri rosa e i cavalieri d’Italia.

L’area è però ricca di numerose varietà volatili anche nel resto dell’anno: usignoli di fiume, aironi bianchi, limicoli, e anatidi. Le visite sono consentite in tutte le stagioni, ma sono sconsigliati i mesi estivi nei quali, insieme alle tante specie volatili il clima torrido attira anche le zanzare. Favoriti i mesi immediatamente successivi come settembre e ottobre che accompagnano l’arrivo dell’autunno con i spettacolari colori delle piante palustri come il Limonium e la Salicornia.